Skip to main content

"Non possiamo permettere che la guerra diventi la nuova normalità"

Data:

Author: Martin Fyn Aamand, Head of Communications & PR

Categoria: History , People

Traduzione: www.languagewire.com

Volgendosi indietro, il Country Director di JYSK Ucraina, Ievgenii Ivanytsia, non ha dubbi sul fatto che l'anno appena trascorso sia stato "il più difficile della mia vita". 

Ievgenii Ivanytsia
Country Director di JYSK Ucraina, Ievgenii Ivanytsia.

Da un giorno all'altro, la realtà è cambiata radicalmente in Ucraina. 

Per il Country Director di JYSK Ucraina, Ievgenii Ivanytsia, ciò ha significato passare dal visitare i negozi per parlare dei mobili da giardino alla chiusura di tutti i negozi per garantire la sicurezza dei colleghi. 

"Il 22 e 23 febbraio 2022 avevo visitato i negozi di Odessa, Kherson, Mykolaiv e Nova Kahovka, insieme al Retail Manager Kiril Romanchuk, al Business Partner HR Iryna Strokach e al District Manager Serhiy Marintsev. Stavamo verificando se i negozi erano pronti per la stagione outdoor e avevamo seguito i progressi della riorganizzazione del negozio a Kherson", ricorda Ievgenii in un'intervista a GOJYSK.com su Teams da un seminterrato del negozio durante un allarme aereo. 

Nelle prime ore del 24 mattina, Ievgenii e la sua famiglia vennero svegliati da esplosioni all'esterno della casa. Era chiaro che l'Ucraina era stata invasa. 

"Ci siamo scambiati messaggi all'interno del team di gestione cercando di coordinare le azioni e abbiamo deciso rapidamente di chiudere tutti i negozi per la settimana. La situazione era molto confusa. I dipendenti della sede centrale stavano prelevando i laptop dalle loro scrivanie, mentre noi sentivamo gli elicotteri e il rumore degli aerei", ricorda Ievgenii. 

"Non ci fermiamo" 

Prima che scoppiasse la guerra il 24 febbraio 2022, JYSK Ucraina aveva 85 negozi operativi in Ucraina, più tre nuovi negozi in costruzione e un negozio in fase di ristrutturazione. 

Un anno dopo JYSK Ucraina ha riaperto la maggior parte dei negozi e prevede di aprire tre nuovi negozi ad agosto, entro la fine dell'anno finanziario. Al 31 gennaio 2023 in Ucraina erano aperti 83 negozi. 

"Continuiamo a lavorare, a firmare nuovi contratti di locazione, ad aprire nuovi negozi e a riorganizzare quelli esistenti. Continuiamo a servire i clienti, fornendo loro prodotti critici e sosteniamo lo stato. JYSK Ucraina ha anche appoggiato molti progetti di beneficenza, tra cui quelli per migranti, ospedali e musei. JYSK Ucraina ha anche coinvolto i clienti fidelizzati promuovendo e raccogliendo fondi per finanziare progetti socialmente responsabili", racconta Ievgenii, che aggiunge: 

"Potrebbe sorprendere molti, ma malgrado tutto, JYSK Ucraina sta seguendo tutte le routine, i calendari e le politiche del negozio, come qualsiasi altra organizzazione nazionale JYSK." 

Ievgenii Ivanytsia
Nell'ultimo anno, Ievgenii Ivanytsia (a sinistra) ha scattato molti selfie di gruppo con i suoi colleghi in Ucraina.

Sicurezza senza compromessi 

L'obiettivo di JYSK Ucraina è che i clienti non notino alcuna differenza nell'esperienza di acquisto rispetto al periodo precedente all'invasione. 

"Diciamo che JYSK svolge un importante ruolo terapeutico per gli ucraini. Vediamo che clienti e visitatori si rilassano e iniziano a sorridere quando entrano nei nostri negozi. I clienti sono grati a JYSK per il fatto che i negozi sono aperti e che siamo rimasti in Ucraina in questi giorni difficili", afferma Ievgenii. 

Tuttavia, malgrado la volontà del team JYSK Ucraina di aprire i negozi e andare al lavoro durante la guerra, Ievgenii sottolinea che non si fanno compromessi sulla sicurezza. 

"La sicurezza dei collaboratori è sempre al primo posto per JYSK Ucraina. Con questo obiettivo, nei primi mesi sono stati riaperti tutti i negozi in cui era possibile garantire una relativa sicurezza a dipendenti e clienti. Dipendenti e clienti hanno dovuto abituarsi alla chiusura dei negozi durante gli allarmi aerei, quando tutti devono cercare riparo. Alcuni negozi sono ancora chiusi perché sono stati distrutti o perché sono troppo vicini alla prima linea", spiega. 

Ievgenii Ivanytsia
"Non possiamo permettere alla guerra di diventare la nostra nuova normalità", afferma Ievgenii Ivanytsia (a sinistra).

Non una nuova normalità 

Da una prospettiva esterna, andare al lavoro potrebbe sembrare l'ultima cosa da fare durante una guerra. Ma questa di sicuro non è stata l'esperienza di Ievgenii. 

"Ricordo la felicità dei dipendenti la prima volta che sono potuti tornare al lavoro, incontrare clienti e colleghi. Le persone devono fare qualcosa di utile per sentirsi felici", afferma Ievgenii. 

Sottolinea inoltre l'atteggiamento e la personalità dei colleghi come una delle ragioni principali per il prosieguo dell'attività. 

"JYSK può contare su persone fantastiche, positive e che lavorano sodo in Ucraina, che hanno difficoltà a stare sedute senza fare nulla. È mentalmente più facile sopravvivere a questo periodo difficile se si è impegnati e si svolge un lavoro utile, anziché starsene a non fare nulla", afferma. 

Tuttavia, nonostante l'impressionante performance dei colleghi in tempo di guerra, spera di vedere presto giorni migliori. 

"È così triste vedere che gli ucraini si stanno lentamente abituando a vivere in guerra, circondati da tragedie e oscurità. Non possiamo permetterci che questo diventi la nostra nuova normalità", conclude Ievgenii.

Cartina dell'Ucraina
Su questa cartina dell'Ucraina, i negozi aperti sono contrassegnati in verde, quelli temporaneamente chiusi in giallo, quelli permanentemente chiusi in rosso. In blu i nuovi negozi aperti dopo il 24 febbraio 2022.

 

Latest news

Environment

JYSK introduce l'alternativa al cotone nelle lenzuola

- JYSK propone ora lenzuola con il lyocell, un'alternativa al cotone che offre numerosi vantaggi per la produzione tessile dei nostri articoli.

Rami Jensen

Aggiornamento dal nostro CEO: siamo pronti per il prossimo anno finanziario

- L'estate è alle porte e, come sempre, è un periodo impegnativo per JYSK, eppure guardiamo avanti al nostro prossimo anno finanziario.

Tiia and Dominik, CSC Specialists in JYSK

Tiia e Dominik hanno trovato la loro strada nel Servizio Clienti

- In JYSK ci sono molti percorsi di carriera da intraprendere. Dominik e Tiia hanno colto le opportunità che si sono presentate e hanno trovato la loro strada.

Aggiungi commento

Mantieni un tono moderato :)

About JYSK

Careers

JYSK Head Office